Skip to main content
Uncategorized

Come curare la Stella di Natale e dove posizionarla

By 2022-01-20No Comments

Una tradizione tipica del periodo natalizio è quella di regalare una Stella di Natale, conosciuta anche come Poinsettia. Caratterizzata dalle spiccate e bellissime foglie rosse o gialle, è una pianta che con la sua bellezza adorna le nostre case anche dopo la fine delle festività.

Ma dove posizionarla? E ogni quanto va annaffiata? Scopriamo insieme come curare la Stella di Natale ricevuta in regalo per mantenerla al pieno del suo splendore.

Come curare la Stella di Natale in casa: l’importanza della luce

Quando si parla di Stella di Natale e di consigli e cure per la sua crescita, la luce detiene un ruolo fondamentale fin da quando questa pianta viene coltivata: deve essere esposta, infatti, a determinate ore di luce e di buio, per sviluppare le caratteristiche brattee rosse che la rendono unica. Ma anche per curarla, la luce si rivela molto importante.

La prima cosa da fare è scegliere dove posizionare la Stella di Natale in casa. La Poinsettia è una pianta che ama molto la luce del sole. Trova la sua dimora ideale, quindi, in una stanza molto luminosa, in una posizione lontana da fonti di calore come stufe, termosifoni e camini e, soprattutto, al riparo dal freddo.

Come mantenere una Stella di Natale al meglio: evitate le correnti d’aria

La Poinsettia, infatti, teme molto le correnti d’aria. È sconsigliato, quindi, posizionarla davanti a una finestra che aprite tutti i giorni: la vostra Stella di Natale finirebbe per soffrire a causa del freddo. Scegliete invece una stanza in cui la luce non manca, ma in cui la Poinsettia può essere posizionata in un angolo non esposto alla corrente e agli sbalzi termici. Meglio ancora le scale, che di solito sono più fresche: questa pianta ama infatti le temperature comprese tra i 15 e i 22 gradi.

Se volete curare la vostra Stella di Natale al meglio, questo è uno dei primi consigli da seguire. In primavera inoltrata, quando invece le temperature inizieranno a essere più clementi anche di notte, potrete spostarla all’aperto, al riparo dalla luce diretta del sole; per poi procedere a concimarla con un fertilizzante ricco di potassio e fosforo e, verso metà estate, a trapiantarla.

Come innaffiare la Stella di Natale: cure e consigli

Per curare correttamente una Stella di Natale in casa non si può dimenticare però il discorso legato alle innaffiature.

Anche su questo fronte, infatti, è una pianta che ha delle esigenze particolari: deve essere bagnata ogni due o tre giorni, con acqua non calcarea, senza mai lasciare ristagni nel sottovaso. Questo infatti potrebbe farne marcire le radici, accorciando la sua vita. E quindi? Come si fa a curare la Stella di Natale correttamente anche sotto questo aspetto?

L’ideale è saggiare con un dito il terriccio, che non deve mai essere del tutto asciutto o completamente fradicio: insomma, fresco ma non troppo, né troppo poco. Dopo le innaffiature, è opportuno versare via l’acqua rimasta nel sottovaso dopo una quindicina di minuti: la pianta avrà assorbito l’acqua di cui ha bisogno senza rischiare di marcire.

La Stella di Natale è una pianta bellissima e delicata: con le cure e i consigli giusti, però, potrete mantenerla al massimo del suo splendore e godere della sua bellezza anche dopo le festività.